Archive Page 2

A scuola di italiano

Edizione online de La Stampa del 4 marzo 2011: e dire che quando andavo a scuola io ci facevano leggere gli articoli di giornale in classe per imparare come scrivere in italiano….

 

 

 

 

 

 

Nuova perla del 4 aprile 2011:

Annunci

Il Nord Italia sotto la neve

Una spettacolare immagine dal satellite di questa gelida mattina, 18 dicembre 2010.

Neve sul Nord Italia (immagine dal satellite)

Si può notare come il Piemonte non sia stato interessato dalla neve di ieri.

Poste Italiane, una tragedia senza fine

Pensavate non ci fosse limite ai disservizi delle Poste Italiane…e invece no! Da oggi a Torino e presto in tutto il Piemonte la posta non verrà più consegnata il sabato…quindi fate bene i conti quando spedite una lettera prioritaria ad un destinatario in Piemonte: rischiate che imbucandola giovedì sera venga consegnata solo lunedì, ovvero 3 giorni e mezzo dopo. Alla faccia della priorità.

Posta non prioritaria...

Vivi a Torino? Non hai diritto di andare a San Siro per Milan-Juve!

Prendiamo due tifosi juventini. Uno abita a Torino, l’altro a Savigliano (in provincia di Cuneo). Tutti e due sono tifosi juventini e si recano ogni anno a Milano per assistere a Milan-Juve.
Bene, quest’anno il tifoso che abita a Torino non potrà andare allo stadio a Milano, mentre quello di Savigliano si. La decisione del CASMS (Comitato sulla sicurezza nelle manifestazioni sportive) lascia a dir poco sconcertati: tutti coloro che hanno la residenza in provincia di Torino non potranno seguire la Juventus a Milano. Se invece sei tifoso juventino e hai la residenza in provincia di Cuneo o Novara o in qualsiasi altra provincia italiana potrai andare allo stadio a Milano.
Non sono un esperto di diritto, ma credo che questa decisione, basata esclusivamente su un fattore anagrafico (la provincia di residenza), sia in qualche modo illegittima e discriminatoria. Non si può limitare la libertà di un individuo solo perchè risiede in provincia di Torino!

La cosa più ridicola è che per un’altra partita, Bologna-Juventus, successiva a Milan-Juventus, il divieto sarà esteso dai torinesi a tutti i piemontesi: come se il CASMS ritenesse che fino al giorno in cui si giocherà Milan-Juve i torinesi fossero soggetti a rischio e il resto dei piemontesi no, ma quando si giocherà Bologna-Juventus anche il resto dei piemontesi si meriterà questo trattamento perchè diventati soggetti a rischio.
Per fortuna che il resto dei tifosi juventini hanno le carte in regola (leggi “residenza”) per seguire la propria squadra del cuore a Milano e Bologna…

Avessi le possibilità economiche e un po’ di tempo da perdere mi rivolgerei a un avvocato per far valere i miei diritti…(tanto più che ho speso soldi per fare la famigerata tessera del tifoso per essere sicuro di poter seguire la mia squadra del cuore anche in trasferta!).

In Italia c’è un modo curioso di cercare di risolvere i problemi: ci sono 30-40 delinquenti (di cui non conosco le generalità nè la residenza altrimenti li avrei arrestati) che vanno allo stadio per picchiare? Bene, allora impediamo a un’intera provincia o un’intera regione di andare allo stadio così risolviamo il problema! Buffoni ridicoli…non ci sono parole per descrivere la vostra incompetenza!! Mi dicano allora a cosa serve la tessera del tifoso se poi non posso andare alla partita in trasferta!

Aggiornamento del 18/10/2010: dopo un’ondata di proteste il CASMS ha precisato che chi è in possesso della tessera del tifoso potrà assistere alle partite Milan-Juve e Bologna-Juve (le limitazioni sono valide solo per chi non ha la tessera del tifoso). Meno male…spero che possano migliorare la comunicazione visto il trambusto che è successo!

Tifosi allo stadio

Alta Velocità Torino-Lione: Si TAV o No TAV?

Anni e anni di polemiche, scontri anche fisici, tavole rotonde e centinaia di documenti…se ne parla da tanto, l’Alta Velocità Torino-Lione è sempre sulla bocca di tutti, in particolare dei piemontesi.

Si può essere d’accordo oppure no: si sono fatti errori sia da una parte che dall’altra. Personalmente sono d’accordo alla costruzione dell’Alta Velocità. Quello che mi auguro è che anche coloro che non condividono il progetto possano dialogare con chi lavora per proporre soluzioni che possano rappresentare un giusto compromesso e scontentino il minor numero possibile di abitanti.

Purtroppo ci sarà sempre qualcuno scontento, su questo non vi è dubbio: ma viviamo in un Paese democratico e la maggioranza decide. Ci sono molte decisioni del Governo di turno (destra o sinistra che sia) che posso non condividere (e altri come me), ma se coloro che sono contrari rappresentano la minoranza non possono impedire che tali decisioni abbiano il loro decorso.

Voi cosa ne pensate? Chi è contrario alla TAV Torino-Lione non condivide neanche il nuovo progetto che è stato modoficato rispetto agli anni passati?

I colori del mare

Il mare a Bordighera

Le sfumature di blu del mare di Bordighera

24/07/2010: il mare di Bordighera

Mozzarelle blu: e la marca?

Avrete sicuramente letto delle mozzarelle blu acquistate da una signora di Torino in un hard discount. Purtroppo non si tratta della trovata pubblicitaria di un’azienda di latticini, ma è pura realtà. Sono state fatte analisi e controanalisi: in un primissimo momento gli esperti di laboratorio sembravano tranquillizzarci dicendo che i batteri responsabili della strana colorazione delle mozzarelle erano presenti nell’acqua utilizzata per preparare il prodotto e che non c’erano grossi rischi per l’uomo. Oggi invece ne sappiamo di più: i batteri individuati sono quelli tipici delle feci e dell’urina. Mi fermo qui per non provocare ulteriore disagio a chi legge.
La cosa che mi stupisce è che dai media sia stato piuttosto difficile risalire alla catena di discount che distribuiscono le mozzarelle blu, cioè Lidl e Eurospin.
Altro motivo di stupore è che la Lidl Italia, essendosi accorta di qualcosa che non andava con le mozzarelle già più di 6 mesi fa, aveva chiesto chiarimenti all’azienda produttrice ma non ne aveva sospeso la vendita.
Purtroppo c’è ancora una bella sorpresa per noi poveri consumatori: in Germania la produzione e la distribuzione di queste mozzarelle all’acqua di fogna continua (le autorità tedesche non hanno fatto interrompere la produzione), in Italia non ci dicono la marca delle mozzarelle blu (chissà perchè…come se salvaguardare un’azienda tedesca fosse più importante della salvaguardia della salute di milioni di italiani) e così restiamo con la sensazione che possano essere ancora in vendita tra gli scaffali di Lidl ed Eurospin…
Un mio consiglio personale? Comprate prodotti italiani!! La mozzarella è uno dei più apprezzati prodotti caseari del nostro Paese, perchè risparmiare 40-50 centesimi e comprare prodotti tedeschi contenenti chissà cosa?

Aggiornamento: ho trovato su un articolo di giornale le marche a rischio delle  mozzarelle blu. Sono: Land, Malga Paradiso, Lovilio, Fattorie Torresina e Monteverdi. Non fatevi ingannare dai nomi italiani, sono tutte prodotte in Germania!!

Aggiornamento 2: come non detto! E’ notizia di oggi, 23 luglio,  che all’Auchan di Rivoli sono state ritrovate 2 mozzarelle Granarolo (quindi italiane) con la stessa colorazione blu delle sorelle tedesche!! In realtà la medesima ditta tedesca ha contatti con la Granarolo per l’utilizzo degli stessi materiali per lavorare i propri prodotti. Intanto la ditta tedesca ha finalmente ritirato dal mercato le mozzarelle incriminate.

Mozzarella blu

Uno stupendo esemplare di mozzarella tedesca all'acqua di fogna


 
Bed and Breakfast a Torino: vicino allo Juventus Stadium.
Internet mobile: riepiloghi delle tariffe e offerte internet mobile di TIM, 3 e Wind
Consulenza SEO: per posizionare il vostro sito sui motori di ricerca
Impianti fotovoltaici Torino: per un'energia più pulita! :)

Statistiche

  • 301,678 visitatori