Portici di via Po: curiosità

I torinesi la conoscono bene, i turisti non possono fare a meno di metterci piede data la sua posizione centralissima: sto parlando di Via Po, la via lunga poco più di 700 metri che collega Piazza Castello al fiume Po.

Questa via, oltre alla sua bellezza architettonica, va ricordata per un paio di curiosità. La prima è che, se si osserva una pianta di Torino, si nota il suo non parallelismo con le vie limitrofe, costituendo così quasi una rottura nella geometria delle vie centrali di Torino. Il motivo è da ricercare nella necessità di collegare Piazza Castello all’unico ponte esistente in città ai tempi della sua realizzazione (tra la fine del 1600 e i primi decenni del 1700).

La via, che inizialmente si chiamava Contrada del Po (o “regina viarum”, la regina delle strade, per via della sua larghezza), è inoltre caratterizzata dalla presenza di bellissimi portici: percorrendola da Piazza Castello verso Piazza Vittorio Veneto, si può notare come il lato sinistro presenti portici che non subiscono alcuna interruzione in prossimità degli incroci con le vie perpendicolari a via Po, a differenza del lato destro. Fu il re Vittorio Emanuele I di Savoia a dare ordine agli architetti di erigere i portici in questo modo: in questo modo, i reali sabaudi non si sarebbero bagnati sotto la pioggia o la neve recandosi da Palazzo Reale verso la chiesa Gran Madre.

Via Po in una cartolina d'epoca

Via Po in una cartolina d'epoca

6 Responses to “Portici di via Po: curiosità”


  1. 1 gloria.mac lunedì 30 marzo, 2009 alle 12:48

    le sapevo già queste curiosità ehehe😄
    baci!!

    • 2 giorgio lunedì 30 marzo, 2009 alle 12:59

      Vabè ma tu sei tu…😀

  2. 3 massim martedì 31 marzo, 2009 alle 19:49

    Eh, mica scemo Sua Maestà😉
    Ciao Giorgio, un saluto!

  3. 4 gloria.mac mercoledì 1 aprile, 2009 alle 12:18

    ahahahahaah assieeeee

  4. 5 Fabrizio - ikol22 giovedì 2 aprile, 2009 alle 17:02

    Visto che fai cenno alla Gran Madre aggiungo, se posso, che da via Po all’inizio del ponte Vittorio Emanuele I v’è un dislivello di 7 metri straordinariamente e armoniosamente assorbito, nello sguardo d’insieme, dalla piazza porticata più vasta del mondo🙂

  5. 6 giorgio giovedì 2 aprile, 2009 alle 17:59

    Grazie Fabrizio del tuo contributo! Per rendersi conto di quanto detto da Fabrizio provate a mettervi all’inizio di Via Po, con le spalle rivolte verso Piazza Castello, e immaginate di tracciare una linea orizzontale a partire dalla base dei primi pilastri dei portici…vi renderete conto che Piazza Vittorio Veneto è in pendenza🙂 ma come dice Fabrizio non se ne accorge nessuno!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




 
Bed and Breakfast a Torino: vicino allo Juventus Stadium.
Internet mobile: riepiloghi delle tariffe e offerte internet mobile di TIM, 3 e Wind
Consulenza SEO: per posizionare il vostro sito sui motori di ricerca
Impianti fotovoltaici Torino: per un'energia più pulita! :)

Statistiche

  • 289,946 visitatori

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: