Euro 0, se ti chiami GTT puoi circolare

Stimolato da un articolo comparso su La Stampa alcune settimane fa, sono andato sul sito GTT e ho fatto 2 conti sul numero di autobus circolanti a Torino che sono di categoria “euro 0”, cioè inquinanti in modo indecente. Il risultato è che su 1178 mezzi GTT circolanti a giugno 2008 (la fonte è il sito GTT), circa il 30% di questi sono euro 0.

Alcune considerazioni:
– il privato che possiede un’auto “euro 0” è considerato un criminale condannabile dal Tribunale dell’Aia per reati contro il genere umano; GTT invece è un’azienda attenta alla salute dei cittadini e per questo circola sull’intero territorio urbano con i suoi oltre 300 autobus “euro 0”;
– il privato che possiede un’auto “euro 0” è costretto a cambiarla da leggi e regolamenti comunali che di fatto ne impediscono l’uso; GTT non ha alcuna scadenza in termini di tempo per vedersi costretta a rinnovare il parco mezzi (è in atto un rinnovamento degli stessi, ma ciò avviene molto molto lentamente);
– il privato deve quindi mettere mano al portafoglio, in un quadro di crisi generale di certo non facile dove gli stipendi non sono adeguati al livello del carovita odierno, per spendere dai 10.000 euro in su per un’auto “euro 4”; GTT per rinnovare il parco mezzi va invece a pescare nello stesso portafoglio degli automobilisti decidendo (in sintonia con il sindaco di Torino) un aumento del 400% dell’abbonamento annuale per la sosta dei veicoli nelle zone blu (da 8 euro a 40 euro all’anno) invece di automatizzare, ad esempio, i mezzi dotandoli di dispositivi automatici per fare in modo che tutti paghino i biglietti salendo sui mezzi pubblici.

Per ora mi fermo qui, ma mi piacerebbe che queste informazioni potessero avere maggiore risonanza pubblica (La Stampa ha pubblicato l’articolo sul numero di mezzi GTT che sono ancora euro 0 ad agosto) per riuscire a sensibilizzare di più i vertici GTT nel rinnovo dei mezzi (e lorsignori non mi vengano a dire che ci sono i soliti problemi di bilancio dell’azienda, non ci sono i soldi, ecc…anche i cittadini hanno problemi di soldi e bilanci ma sono costretti a indebitarsi per poter sopravvivere!!!).

4 Responses to “Euro 0, se ti chiami GTT puoi circolare”


  1. 1 Fabrizio - ikol22 domenica 31 agosto, 2008 alle 18:02

    GTT è un’azienda a vocazione mafiosa. Non v’è nulla di male a dirlo, il fatto che poi non lo siano è tutto da dimostrare. Accanto alle tue sacrosante considerazioni c’è:
    1. Il risparmio sull’aria condizionata a bordo dei mezzi provvisti (rendendoli delle camere a gas perché i vetri non si aprono)
    2. La scelta squisitamente unilaterale di ridurre in modo burlseco per non dir vergognoso l’orario della metroplitana nei mesi estivi
    3. L’attenzione ai passeggeri da parte del personale viaggiante e non che condita al solito menefreghismo va da ultimo aggiungendo aspetti talvolta intimidatori.
    Leggiamo però della volontà di unire l’azienda Torinese a quella Lombarda allo scopo -evidentemente- di ottenere che ci scarichino o loro tram da noi dismessi alla fine degli anni ’50.

  2. 2 rob lunedì 1 settembre, 2008 alle 9:45

    Quando vivevo in centro, la mia prima esperienza di vita al di fuori della mia famiglia, abitavo in V. Calandra quasi all’angolo con C.so Vittorio… l’abbonamento annuo era di 15.000 lire se non ricordo male.

    Qualche mese fa ho “dovuto” cambiare moto perchè -per me è il mezzo di trasporto PRIMARIO- era una Euro1 e siccome aveva ancora un ottimo valore commerciale ho preferito sostituirla prima che fosse totalmente svalutata comprandone una Euro2 (la Euro3 costa ancora troppo cara per me).

    Di sicuro esistono due pesi e due misure, questa non è una novità… non ho niente di intelligente da dire a questo punto, se non diversi insulti che possono giustamente venire indirizzati a chi queste cose le gestisce ma è un discorso complesso… perchè il comune cittadino reso schiavo da questi cambiamenti ha ben poche azioni da poter portare a termine per far cambiare le cose.

    Se ci rivolgessimo alle autorità comunali ci verrebbe risposto che queste sono in realtà regole provinciali che si adeguano alle norme governative che valgono per tutto il BelPaese. Ma queste regole sono state impostate per contrapporsi alla profonda crisi economica che è sì italiana ma non solo… quindi si sposterebbe a livello europeo il problema e sicuramente se la nostra voce arrivasse fino a Bruxelles ci sarebbero motivazioni a livello GLOBALE per questo folle rincaro di un po’ tutti i prezzi (non solo i parcheggi dunque).

    Il punto è che è tutto meravigliosamente ma anche terribilmente collegato e noi abbiamo possibilità minime di movimento.

    Il primo di settembre è un giorno già pesante per il rientro in ufficio di molti di noi (io personalmente ho lavorato anche ad agosto per cui per me è abastanza normale) e mi dispiace aver esagerato le cose in maniera così ampia al punto da far passare la voglia di leggere!😛

    Però auguro buona giornata a tutti… e sinceramente!
    Rob

  3. 3 giulia lunedì 19 gennaio, 2009 alle 21:56

    davvero incredibile, io ho dovuto rottamare un’auto euro 2 diesel, e comprarne una nuova!!!
    Complimenti all’amministrazione…
    Grazie a te per avermi informato con questo post.
    Ciao

  4. 4 angelo mercoledì 17 febbraio, 2010 alle 19:55

    Cosa centra il GTT? E’ un’azienda di trasporto pubblico, quindi quando lei cambia i pullman li paghi tu! Non sarebbe più intelligente che usufruisse al meglio delle sue risorse invece di buttare via macchine funzionanti per queste cose? Non sarebbe il caso che le associazioni dei consumatori invece di sparare queste ecocazzate si occupassero degli incentivi ai 7000 di cilindrata euro 5 invece di prendersela con il gtt perchè non viene violentata con le stesse ingiustizie. I soliti italiani: invece di invocare norme giuste vogliono o tutti fregati o tutti che fregano.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




 
Bed and Breakfast a Torino: vicino allo Juventus Stadium.
Internet mobile: riepiloghi delle tariffe e offerte internet mobile di TIM, 3 e Wind
Consulenza SEO: per posizionare il vostro sito sui motori di ricerca
Impianti fotovoltaici Torino: per un'energia più pulita! :)

Statistiche

  • 289,946 visitatori

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: