Clotilde Zucca in libertà vigilata: ingiustizia è fatta.

Nei giorni scorsi Clotilde Zucca, brigatista rossa condannata all’ergastolo, ha ottenuto la libertà condizionale con la motivazione da parte dei giudici della presa d’atto “dell’intervenuto ravvedimento della donna e della sua volontà di risarcire il danno ai parenti delle vittime”.

Clotilde Zucca insieme a Francesco Pagani Cesa, Marcello Ghiringhelli e Antonio Chiocchi e Teresa Scinica si sono macchiati nel 1982 di un efferato assassinio di due giovani guardie giurate, Sebastiano D’Alleo di 27 anni, e Antonio Pedio di 26. Questi ultimi, inginocchiati, chiedevano invano pietà. La risposta dei loro esecutori è stata: «Bastardi, questo è quello che spetta ai servi del potere». Il gruppo di brigatisti ha poi gettato sui corpi la bandiera rossa.

Clotilde Zucca si è “ravveduta” e oggi può costruirsi una nuova vita. Sebastiano e Antonio invece sono sotto terra dentro a una bara. Questa giustizia mi fa vomitare.

6 Responses to “Clotilde Zucca in libertà vigilata: ingiustizia è fatta.”


  1. 1 robalferi martedì 18 marzo, 2008 alle 8:59

    Il punto è che i concetti di LEGGE e GIUSTIZIA spesso non vanno di pari passo.
    Scandaloso…
    R

  2. 2 massim mercoledì 19 marzo, 2008 alle 11:04

    La storia delle Brigate Rosse come quella di molti movimenti extraparlamentari di quegli anni è una storia lastricata di morti.
    Una storia dove l’ideologia, se mai c’è stata, scompare dietro ritratti di delinquenti della peggior specie.
    Non ero a conoscenza di questa storia ed è terribile pensare alle suppliche di quei ragazzi di 27 anni. Altrettanto terribile è stata l’uccisione, sempre da parte delle Br, di Roberto Peci, fratello del primo pentito del terrorismo rosso. Di quella morte c’è addirittura una testimonianza filmata.
    Agghiacciante.
    Che altro dire? Che in questo Paese si dimentica in fretta? Sembra ormai un luogo comune, ma i luoghi comuni nascono spesso da sacrosante verità come questa, a causa dell’indifferenza vergognosa di molti.

  3. 3 Breb venerdì 26 settembre, 2008 alle 15:23

    Ho scoperto oggi il tuo blog, lo trovo molto interessante e scopro di condividere con te, oltre che l’amore per Torino, anche l’indignazione per fatti come questi.

  4. 4 giorgio sabato 11 ottobre, 2008 alle 22:40

    Ciao Breb! Grazie della visita…ultimamente non sono molto attivo sul mio blog, ma vado un po’ a periodi, anche (e soprattutto) in base al tempo libero che ho. Non mancherò sicuramente di visitare il tuo blog visto che sei una bogianen come me🙂 Ciao!

  5. 5 andreamago mercoledì 12 novembre, 2008 alle 16:06

    mi sembra il caso che dopo circa 26 anni da quell’efferato delitto,posso giudicare che a questa donna,persona,si d’obbligo poter dare la possibilita’ di ritornare in societa’,tanto come altre persone che hanno commesso atti piu’ negativi di C.M. Brioschi.

  6. 6 watch dogs ps3 giovedì 1 agosto, 2013 alle 7:39

    This site truly has all of the information and facts I needed
    concerning this subject and didn’t know who to ask.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




 
Bed and Breakfast a Torino: vicino allo Juventus Stadium.
Internet mobile: riepiloghi delle tariffe e offerte internet mobile di TIM, 3 e Wind
Consulenza SEO: per posizionare il vostro sito sui motori di ricerca
Impianti fotovoltaici Torino: per un'energia più pulita! :)

Statistiche

  • 289,946 visitatori

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: